Aviaria: le banche rispondono all’appello di Confagricoltura. Nuovo dispositivo del Ministero della salute per il controllo dell’I.A. e per i riaccasamenti

Alla luce del periodo di estrema criticità che il comparto avicolo sta affrontando, Confagricoltura si è rivolta nelle scorse settimane ai principali istituti di credito italiani sollecitando un’attenzione particolare alle imprese in difficoltà per l’influenza aviaria.

All’appello della Confederazione hanno già risposto Crédit Agricole Italia, Unicredit, Banco Bpm, Intesa Sanpaolo, Bnl (gruppo Bnp Paribas) e Banca Popolare di Sondrio.

Il loro impegno prevede sostanzialmente tre tipi di interventi nell’ambito della liquidità finanziaria: posticipo delle scadenze dei pagamenti di finanziamenti e prestiti, nuovi canali di finanza agevolata, riorganizzazione delle esposizioni e delle scadenze bancarie.

Confagricoltura accoglie con favore le iniziative e ringrazia le banche per la disponibilità e la tempestività con la quale hanno reagito alla richiesta di attenzione per un settore che ha già subito l’abbattimento di un numero assai elevato di capi, circa 15 milioni. Al momento l’epidemia è circoscritta quasi esclusivamente alle regioni di Veneto e Lombardia.

Nei giorni scorsi il Ministero della salute ha emanato un ulteriore dispositivo per il controllo dell’epidemia con nuove misure e con le norme per iniziare il ripopolamento degli allevamenti.
Scarica provvedimento ministeriale