Bando architettura rurale: chiarimenti AvepaBando architettura rurale: chiarimenti Avepa

Il 30 Marzo 2023 AVEPA ha pubblicato, nella propria pagina web, alcuni importati aggiornamenti relativi alla gestione del bando PNRR sull’Architettura rurale.
Si tratta, peraltro, di aggiornamenti provvisori, poiché AVEPA stessa avverte che sono in corso di pubblicazione le linee guida/vademecum per la rendicontazione approvate dal Ministero della Cultura.
In primo luogo, è precisato che, per poter presentare ogni domanda, il beneficiario del finanziamento deve avere un proprio fascicolo aziendale validato.
A tal proposito, si distingue tra coloro che non hanno mai goduto, in precedenza, di contributi AVEPA e coloro che li hanno già conseguiti.
Per i primi è stato creato un fascicolo d’ufficio. È, però, loro richiesto di recarsi presso un CAA o presso uno Sportello unico di AVEPA per farlo aggiornare e caricare l’IBAN attraverso il quale ricevere ed eseguire i pagamenti.
Per i secondi, sarà sufficiente verificare che il fascicolo sia validato e, eventualmente, aggiornare l’IBAN.
Ogni domanda dovrà essere poi gestita attraverso l’applicativo “Domande PSR”, previa registrazione con l’applicativo GUARD.
Oltre agli aspetti burocratici, rispetto al bando già pubblicato, AVEPA chiarisce come sia possibile presentare una sola domanda di acconto ed una domanda di saldo.
La domanda di acconto consente di ottenere fino al 70% dell’importo concesso ed impegnato dalla Regione.
L’acconto sarà erogato dietro presentazione di fatture e relativi bonifici di pagamento. In loro mancanza, AVEPA erogherà ugualmente l’acconto nella misura richiesta, fermo il tetto massimo sopra indicato, verso la presentazione di apposita garanzia fideiussoria a favore della Regione.