Divieto combustione di sfalci e potature

La Giunta Reginale del Veneto ha approvato con DGR n. 238 del 2 marzo 2021 un Pacchetto di misure straordinarie per la qualità dell’aria che introducono limitazioni nel periodo 1° ottobre – 30 aprile di ogni anno, in particolare per i settori ritenuti responsabili delle emissioni di PM10 in atmosfera (polveri sottili).

Queste misure vanno ad integrare quanto già previsto con l’Accordo di Bacino Padano sottoscritto da Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte nel 2017 e con il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell’Atmosfera del 2016.

La nuova delibera regionale (238 del 2 marzo 2021) fra le varie misure, prevede anche il periodo di divieto di combustione dei residui vegetali a partire dal 1° ottobre al 30 aprile di ogni anno. Al di fuori di questo periodo di divieto, rimane la possibilità di svolgere attività di abbruciamento in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri steri per ettaro di materiale vegetale, come riportato all’art.182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152.