Agriturismi e credito d’imposta per la riqualificazione

Il “Decreto Agosto” (n. 104 del 14/8/2020) ha prorogato il credito di imposta per la riqualificazione ed il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere. Si tratta del credito per interventi di ristrutturazione della struttura, già previsto dal Decreto Cultura e Turismo del 2014, che viene prorogato per gli anni 2020 e 2021 ed esteso anche alle imprese che svolgono attività agrituristica. Il credito è pari al 65% delle spese e può essere utilizzato esclusivamente in compensazione, con la soglia massima di 200.000 euro. Le spese che consentono l’accesso al bonus sono:

  • interventi di manutenzione straordinaria
  • interventi di restauro e risanamento conservativo
  • interventi di ristrutturazione edilizia
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche
  • interventi di incremento dell’efficienza energetica
  • interventi per l’adozione di misure antisismiche
  • acquisto di mobili e complementi d’arredo destinati agli immobili oggetto di interventi edilizi

Il credito è concesso nel limite delle risorse appositamente stanziate (attualmente pari a 180 milioni di euro per anno), e quindi probabilmente verrà fissato un “click day”, giorno nel quale presentare la specifica istanza.