Cancellazione pernottamenti per Coronavirus: come rispondere ai clienti

Molte imprese agrituristiche stanno ricevendo richieste di cancellazioni a causa delle preoccupazioni dei clienti legate al Coronavirus. In alcuni casi, le cancellazioni sono addirittura riferite a soggiorni da svolgersi in estate o a primavera inoltrata, quando è ragionevole prevedere che il ciclo influenzale si sarà concluso.  Nel ricordare che il nostro territorio, ad esclusione del Comune di Vo’, non rientra nella zona rossa e quindi non è sottoposto a limitazioni, con l’obiettivo di fornire un supporto alle aziende che desiderano offrire una risposta proattiva a tali richieste e tranquillizzare la clientela che ha bisogno di ricevere messaggi rassicuranti, è stato predisposto uno schema di lettera. Le strutture ricettive potranno inviare questa risposta ai clienti, suggerendo di confermare la prenotazione ed offrendo più opportunità per gli stessi. Quando possibile, consigliamo alle imprese ricettive di andare incontro alle esigenze dei clienti, ad esempio proponendo un voucher per un periodo alternativo, anche se in termini legali il cliente non vi avrebbe diritto. Lo schema contiene alcune varianti, che possono essere utilizzate a seconda del tipo di prenotazione che il cliente ha chiesto di cancellare. È fondamentale in questo momento veicolare un messaggio unitario e, sempre al fine di invitare l’opinione pubblica ad attendere l’evolversi della situazione, evitare allarmismi su una situazione che dal punto di vista sanitario è seria ma non drammatica.

Scarica bozza lettera