OGM

Apprendiamo con soddisfazione che l’assessore Manzato è contrario agli O.G.M. perché non vuole “rovinare i nostri imprenditori agricoli”. A questo punto ci poniamo il dilemma se gli agricoltori li tuteliamo noi o se è l’assessore che ritiene di doverlo fare.

E’ questa la prima, ironica reazione di Giangiacomo Bonaldi alle recenti esternazioni di Franco Manzato sul tema degli O.G.M. Una reazione cui si aggiunge la presa d’atto che non si può trattare argomenti di questo tipo, dalle complesse implicazioni scientifiche e tecniche, con la disinvoltura che talvolta caratterizza le prese di posizione dei politici e cioè senza possedere un bagaglio adeguato di conoscenze e di informazioni.

In primo luogo, osserva il presidente di Confagricoltura Veneto, bisognerebbe usare una terminologia corretta. E’ fuorviante, cioè, parlare di inquinamento o di contaminazione a proposito degli O.G.M., che non sono agenti patogeni ma, appunto, organismi geneticamente modificati. In ogni caso, il problema si porrebbe in termini completamente diversi se le Regioni avessero dettato regole di coesistenza realistiche fra coltivazioni convenzionali, biologiche ed O.G.M, tali da permettere ad ogni operatore di praticare la scelta agronomica preferita.

Inoltre, prosegue Bonaldi, ciò che a noi sta a cuore sono i principi della libertà di ricerca e della libertà di impresa. Sotto il primo profilo, gli agricoltori vogliono capire se la genetica può portare dei vantaggi alla loro attività ed al loro reddito e credo che dovremmo accontentarli; come dovremmo accontentare i consumatori, i più avveduti dei quali hanno capito che esiste la possibilità che l’introduzione degli O.G.M. porti al ridimensionamento dell’uso della chimica in agricoltura. Circa la libertà di impresa, poi, è questa che Confagricoltura Veneto vuol tutelare, si esprima attraverso le coltivazioni convenzionali, quelle biologiche o gli O.G.M., sempre nel rispetto di regole che ci si augura vengano dettate al più presto.

Per concludere, osserva Bonaldi, gli agricoltori non hanno bisogno di tutele paternalistiche ma che si mettano a loro disposizione gli strumenti per poter essere veramente imprenditori.