Lavoratori extracomunitari: imminenti le richieste di nullaosta

I Ministeri dell’Interno e del Lavoro il 9 aprile 2019 hanno emanato la circolare n. 1257 con la quale forniscono le indicazioni operative per la presentazione delle richieste di nullaosta per cittadini extracomunitari del 2019. Il decreto (DPCM) del 17 marzo 2019 aveva infatti autorizzato l’ingresso in Italia per motivi di lavoro di 30.850 cittadini extracomunitari, così ripartiti:

  • 18.000 per motivi di lavoro subordinato stagionale nei settori agricolo e turistico-alberghiero (di cui  2.000 unità per  nullaosta  pluriennale) riservate esclusivamente a cittadini  provenienti da Albania, Algeria, Bosnia-Herzegovina, Corea (Repubblica di Corea), Costa d’Avorio, Egitto, El Salvador, Etiopia, ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Filippine, Gambia, Ghana, Giappone, India, Kosovo, Mali, Marocco, Mauritius, Moldova, Montenegro, Niger, Nigeria, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Sudan, Tunisia, Ucraina.
  • 12.850 per motivi di lavoro subordinato non stagionale e di lavoro autonomo (di cui 4.750 unità per la conversione dei permessi di soggiorno stagionali in permessi di soggiorno per lavoro subordinato).

Le quote dovranno essere ripartire a livello territoriale dal Ministero del lavoro sulla base delle effettive domande che perverranno e dei fabbisogni rilevati. Per quanto riguarda i termini di presentazione delle domande, il DPCM precisa che:

  • le istanze di nullaosta per lavoro non stagionale ed autonomo (comprese le conversioni) potranno essere inviate a partire dalle ore 9:00 del 16 aprile 2019 e fino al 31 dicembre 2019;
  • le istanze di nulla osta per lavoro stagionale potranno essere inviate a partire dalle ore 9:00 del 24 aprile 2019 e fino al 31 dicembre 2019.

Ricordiamo che è utile precaricare le istanze sul portale del Ministero dell’interno in modo tale da trasmetterle tempestivamente all’apertura degli invii. Si invitano pertanto le aziende interessate a mettersi in contatto con gli uffici di Confagricoltura.