Pagamenti PAC, impegno tradito dalla Regione

“Il tempo è scaduto e gli anticipi promessi non sono arrivati. Oltre 200 mila tra imprenditori e lavoratori agricoli veneti sono in difficoltà, ci aspettiamo che il governatore Luca Zaia intervenga”.
Luigi Bassani, direttore di Confagricoltura Veneto, è deluso e preoccupato dopo che per la seconda volta, in due mesi, la Regione non ha mantenuto la promessa di pagare agli agricoltori veneti i fondi comunitari della Pac, la Politica agricola Comune.
“I fondi comunitari sono la moneta contante con cui si pagano i fornitori e si chiudono gli anticipi avuti dalle banche – attacca Bassani -. Il 18 aprile l’assessore regionale all’agricoltura Giuseppe Pan e Fabrizio Stella, direttore di Avepa, l’agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura, avevano promesso il pagamento di un anticipo almeno pari al 75-80 per cento del totale 2015, in attesa del saldo finale che dovrebbe essere erogato entro il 30 giugno. Ma, a distanza di quasi venti giorni, non abbiamo alcuna evidenza che questo sia di prossima attuazione. Non ci resta che constatare l’inattendibilità della parola impegno da parte della Regione e di Avepa”.
Confagricoltura ricorda che sono 85 mila le aziende che hanno presentato la domanda Pac in Veneto, di cui 38 mila di piccole dimensioni. Numeri importanti, che si traducono in almeno 150 mila lavoratori autonomi e 60 mila dipendenti.
“Una questione che riguarda 210 mila persone, senza contare l’indotto di tutti i fornitori che stanno aspettando i pagamenti dei mezzi di produzione, non è più solo tecnica, ma anche politica – conclude Bassani -. Ci aspettiamo e riterremmo opportuna una presa di posizione dal governatore Zaia, anche su un sistema arrivato al capolinea”.